Ti trovi qui: HOME » Officina Emilia » I progetti dal 2000 » Un tornio a scuola /A lathe at school

Un tornio a scuola/ A lathe at school

Nella rete di storie “Un tornio a scuola” raccontiamo l’importanza dell’istruzione tecnica nello sviluppo locale a Modena.  L’obiettivo è valorizzare l'intreccio tra relazioni economiche, relazioni sociali, sistema dell'istruzione e condizioni storiche, tecniche e di mercato in cui si andarono a formare le condizioni per lo sviluppo del distretto meccanico a Modena nel secondo dopoguerra.

Prodotto nel 1942, il tornio Monarch è arrivato a Modena nel 1945 con le armate americane.
È stato usato per quaranta anni nella scuola tecnica Fermo Corni, che lo mise all'asta nel 1999. Officina Emilia lo ha cercato e nel 2006 lo ha portato nella sua sede. Quasi mezzo secolo di storia delle competenze meccaniche correvano il rischio di essere fuse come ferro vecchio. Perché all'asta fu acquistato per essere riutilizzato in una officina meccanica? E perché Officina Emilia lo ha messo al centro della sua sede?
Navigando questa rete di storie si trovano risposte a queste e ad altre domande da esplorare tra oltre 100 minuti di video, album con 400 foto e testi.

L'unità del nostro racconto è la clip: un video, un album di foto, un testo. Ogni clip è una narrazione e, attraverso i collegamenti che abbiamo tracciato tra le clip, le singole narrazioni formano una rete di storie.

Le connessioni tra le clip sono una traccia per una narrazione aperta, non univoca. Altre reti di storie sono possibili: seguendo la nostra proposta di collegamenti tra le clip, chi esplora la rete di storie potrà cambiare l'ordine con cui leggere, ascoltare, visualizzare le clip; oppure potrà definire nuovi collegamenti, a seconda delle propria prospettiva/interessi/conoscenze nell’esplorare e analizzare le singole clip (i contenuti testuali e verbali, le immagini, le sequenze, le musiche e i suoni)

La rete di storie "Un tornio a scuola/A lathe at school" è un progetto ideato da Margherita Russo per Officina Emilia. E' stato realizzato nel periodo 2011-2013 in collaborazione con Stefano Mazza (riprese, montaggio, regia), Giulia Piscitelli (documentazione) e Susanne Weishar (grafica).
Si ringraziano i
testimoni che hanno partecipato alle interviste, gli sviluppatori dell'applicazione homm-sw, Agnese Fogli e Mauro Mattioli, e Avenida, progettazione grafica della sezione browse&print.

Approfondimenti
> consulta il sito web del progetto homm-museums.org

 

[Ultimo aggiornamento: 07/07/2014 13:00:32]

 
 

| e-mail info.oe@Unimore.it | © 2021 Unimore - Servizi Web - Privacy
mappa del sito